Le direttive in materia di gestione delle manifestazioni pubbliche

Altro articolo a tema sicurezza oggi parlando della circolare n. 555 del 7 giugno 2017 del Capo della Polizia.

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con la circolare del 7 giugno 2017, ha diramato nuove disposizioni per il governo e la gestione delle manifestazioni pubbliche. Nel documento vengono indicate le condizioni di Safety cioè, i dispositivi e le misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone da accertare nell’organizzazione di un evento.

Oltre alle condizioni di Safety vengono delineate anche le condizioni di Security cioè i servizi di ordine e sicurezza pubblica per lo svolgimento in sicurezza dell’evento.

La Circolare evidenzia il ruolo fondamentale che riveste il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che riveste un ruolo fondamentale in merito all’analisi e alla valutazione delle pianificazioni di intervento.

La Circolare prevede che le manifestazioni non potranno avere luogo senza lo scrupoloso riscontro delle garanzie di Safety e Security.

Nel caso in cui la pianificazione della componente Safety risulti inadeguata grazie all’informazione preventiva si possono verificare le condizioni e l’idoneità della pianificazione.

L’evento, in qualsiasi caso, può essere allestito e svolto solo ed esclusivamente dopo che le Prefetture abbiano esaminato e modificato (nel caso di bisogno) la pianificazione.

Risulta chiaro che, rivestendo particolare importanza l’integrazione tra i livelli preventivi di Safety e quelli concomitanti di Security, dev’esserci un forte modello organizzativo che preveda la sensibilizzazione degli organizzatori degli eventi; la partecipazione attiva dell’Amministrazione comunale preposta all’autorizzazione degli stessi e il coinvolgimento delle altre istituzioni, nell’ottica di un percorso integrato e coordinato.

Riportiamo di seguito le condizioni imprescindibili riguardanti il Safety:

– capienza delle aree di svolgimento dell’evento, per la valutazione del massimo affollamento sostenibile. Gli organizzatori dovranno essere invitati a regolare e monitorare gli accessi, anche con sistemi di rilevazione numerica progressiva ai varchi d’ingresso;

– percorsi separati di accesso e deflusso;

– piani di emergenza ed evacuazione, con mezzi antincendio, indicazione delle vie di fuga e allontanamento ordinato;

– suddivisione in settori dell’area, con corridoi centrali e perimetrali;

– disponibilità di una squadra di operatori in grado di gestire i flussi anche in caso di evacuazione, per prestare assistenza al pubblico;

– spazi di soccorso riservati alla sosta e manovra dei mezzi di soccorso;

– spazi di servizio e supporto accessori;

– assistenza sanitaria adeguata, con aree e punti di primo intervento;

– impianto di diffusione sonora o visiva per preventivi e ripetuti avvisi e indicazioni al pubblico sulle vie di fuga e i comportamenti in caso di criticità;

– eventuali divieti di somministrazione e vendita di alcolici e altre bevande in bottiglie di vetro e lattine.

Oltre alle condizioni la circolare distingue le competenze e le responsabilità dei vari soggetti coinvolti:

– il Comune dovrà valutare la “capienza delle aree” delle manifestazioni, individuare gli spazi di soccorso, emettere i provvedimenti di divieto di vendita di alcolici e di bevande in vetro e lattine, “che possano costituire un pericolo per la pubblica incolumità”;

– i privati organizzatori dovranno “regolare e monitorare gli accessi”, con “sistemi di rilevazione numerica progressiva ai varchi di ingresso fino all’esaurimento della capacità ricettiva” e prevedere percorsi separati di accesso e di deflusso del pubblico con indicazione dei varchi, nonché schierare sul campo “steward preparati” per l’assistenza al pubblico;

– i Vigili del Fuoco dovranno, lì dove previsto, effettuare il servizio di vigilanza antincendio;

– i responsabili della Sanità dovranno occuparsi dell’emergenza e dell’urgenza sanitaria;

– la Prefettura dovrà esercitare il suo ruolo di controllo e supervisione, mediante “sopralluoghi per una scrupolosa verifica della sussistenza dei previsti dispositivi di safety e l’individuazione delle cosiddette vulnerabilità” e, perciò, presiedere il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, coinvolgendo anche la Polizia municipale “per la vigilanza attiva nelle aree urbane”.

Passiamo ora alla strategia di Security relativa agli aspetti di tutela dell’ordine pubblico e i servizi da pianificare come:

– sviluppo di una mirata attività informativa ai fini di valutare la minaccia e predisporre un efficace dispositivo di ordine pubblico;

– puntuali sopralluoghi e verifiche congiunte per la disciplina delle attività connesse all’evento e per la ricognizione e mappatura degli impianti di videosorveglianza presenti nelle aree interessate, anche per un eventuale collegamento con la sala operativa delle Questure;

– attività di prevenzione a carattere generale e di controllo del territorio;

– servizi di vigilanza e osservazione a largo raggio, per rilevare e circoscrivere i segnali di pericolo o minaccia, nella fase di afflusso come in quella di deflusso;

– frequenti e accurate ispezioni e bonifiche delle aree con personale specializzato e adeguate apparecchiature tecnologiche;

– individuazione di fasce di rispetto e prefiltraggio per consentire controlli mirati sulle persone;

– sensibilizzazione degli operatori favorendo un elevato e costante livello di attenzione.

Questa circolare è diretta prevalentemente alle forze dell’ordine e l’obiettivo principale è il potenziamento dei dispositivi a tutela della persona (Safety) e dei servizi di ordine e sicurezza pubblica (Security).

Fonte

Ti piacerebbe seguire un corso sulla sicurezza? Iscriviti al nostro corso PER ADDETTO ALLA SICUREZZA (EX BUTTAFUORI)! Inizio 21 gennaio 2019.

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *