Bussetti: “Formazione digitale antidoto alla disoccupazione giovanile”

Il ministro dell’Istruzione: “E’ necessario creare percorsi interdisciplinari che trattino la complessità delle tematiche legate alle sfide contemporanee, dalla tecnologia alla crescita sostenibile”.

Competenze-digitali-630x350

I dati sulla disoccupazione giovanile sono preoccupanti in molti dei nostri Paesi.Uscire da questa condizione non è facile e sempre di più ci appare chiaro come sia necessario lavorare non con politiche verticali sulle singole componenti del sistema, ma su una loro forte integrazione trasversale per liberare energie e incrementare il dinamismo del sistema economico-sociale”. Così il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, durante il suo intervento alla quarta Conferenza ministeriale “Dialogo 5+5 su Ricerca, Innovazione e Istruzione superiore” al Miur.

“È necessario dunque creare percorsi di alta formazione multidisciplinare- ha aggiunto il ministro – che trattino la complessita’ delle tematiche legate alle sfide contemporanee, come quella fondamentale della ‘crescita blu’, sostenibile e responsabile”.

Alla Conferenza sono intervenuti i ministri responsabili della Ricerca, dell’Innovazione e dell’Istruzione superiore dei Paesi membri del Forum del Mediterraneo occidentale (Dialogo 5 + 5): Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia.

Presenti anche il Segretario Generale dell’Unione del Maghreb Arabo, il Segretario Generale dell’Unione per il Mediterraneo e una delegazione della Commissione UE.

I ministri sono intervenuti sul tema del rafforzamento della cooperazione al fine di promuovere una crescita economica sostenibile, inclusione sociale e di creare nuove opportunità per i giovani nella Regione del Mediterraneo Occidentale.

A questo proposito Bussetti ha menzionato in particolare l’Istituto nazionale di Oceanografia e Geofisica sperimentale, che dal 2018 coordina un master internazionale di secondo livello considerato unico nel suo genere.

“Tale progetto ha avuto un riconoscimento da parte dell’Unione per il Mediterraneo e rappresenta il contributo dell’Italia all’attuazione del dialogo 5+5 che mira a creare nuove figure professionali – ha aggiunto il ministro italiano – Siamo convinti che le politiche europee e multilaterali sui mari e sugli oceani necessitino di solide conoscenze scientifiche: proseguiremo la nostra azione in questa direzione, con un approccio che dovrà sempre saldarsi con le politiche della dimensione Mediterranea”.

Il Dialogo 5+5 è un Forum multilaterale istituito per rafforzare la cooperazione in aree di interesse comune, come la scienza, tecnologia, innovazione e alta formazione, fra i Paesi del Mediterraneo occidentale.

Fonte: CorCom

La firma della Dichiarazione di Roma per la Ricerca, l’Innovazione e l’Istruzione superiore conclude il biennio di guida italiana del Forum. Dal 2017 l’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale – Ogs, ha ospitato presso la propria sede di Trieste il Segretariato del Forum ed ha esercitato, su delega del Miur, la rappresentanza dell’Italia nelle attività dei gruppi di lavoro.

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *